sabato 27 agosto 2022

R: GORK, MORK AND...LOVECRAFT / GORK, MORK E...LOVECRAFT!

    The great heat of the summer blocked any intention to continue the already slow paintjob (and I believe that repainting the balcony railings cannot be counted among the results of this activity... 😁). The break forced me to put aside dogmen, but it produced the brief reflection of this post about orcs, a race at the center of my teenage interests as a painter. 
   In particular I will propose a hypothesis on Gork and Mork, the well-known orc deities, which have also been the subject of recent posts on the Oldhammer forum.


Brotherly love between Gork and Mork (from "WAAARGH: The Orks" 1990, p. 61)


The late arrival of Gork and Mork (what did you expect from a pair of orcs?!)


   As it turns out, Gork and Mork appear in the Warhammer narrative quite late, and in 40K: they are first mentioned in the supplement "WAAARGH: The Orks", by Nigel Stilmann and Bryan Ansell, dating back to 1990 (pp. 60-61). The twin gods are then transposed into Warhammer Fantasy: see eg. "Warhammer armies: Orcs and goblins" by Rick Priestly (1996), p. 67.


Gork and Mork (or Mork and Gork) with a more impressive look


   But how did the names Gork and Mork come about? They certainly contain the word "ork", which clearly refers to the race they are worshiped by, and the initials may have been chosen randomly. 
   We do know, however, that Warhammer took inspiration in a chaotic way from many sources: to quote an expression of Azazel (from the blog "Azazel's bit box") that seemed particularly fitting to me, it was "like a big ball covered in glue rolled through a library"!

Lovecraft's fingerprints?


   Lovecraft's work is usually considered to have had less influence on Warhammer than other sources, such as Michael Moorcock's books. In the last few weeks I have been reading one of the famous short stories by H.P. Lovecraft, "The Horror at Red Hook" (1925, appeared in "Weird Tales" in 1927). 


Cover by Raulo Caceres


   I came across an evil invocation mentioned several times, which recalls among the other two deities called Gorgo and Mormo. Here it is below:

"O friend and companion of night, thou who rejoicest in the baying of dogs and split blood, who wanderest in the midst of shades among the tombs, who longest for blood and bringest terror to mortals, GORGO, MORMO, thousand-faced moon, look favourably on our sacrifices"!      

   This is not an invention of Lovecraft, but a magic spell historically attested and reported by Hippolytus of Rome (2nd-3rd century AD), which Lovecraft knew through the entries of the "Encyclopaedia Britannica" (an academic article has been written on this: A. Alexanyan, "Some Philological Observations on 'The Horror at Red Hook'", in "Lovecraft Annual", 11 [2017], pp. 37-40, which can be read here). 
So we wonder if this is a mere coincidence, or the names of the gods Gork and Mork may have been inspired by this spell in Lovecraft's story, and then adapted to sound more orcish... What do you think?

______________________________________________________________________________


   Il grande caldo dell'estate ha bloccato ogni proposito di continuare il già lento lavoro di pittura (e credo che ritinteggiare le ringhiere del balcone non possa essere conteggiato tra i risultati di questa attività... 😁). La pausa mi ha costretto a mettere da parte gli uomini cane, ma ha prodotto la breve riflessione di questo post che riguarda gli orchi, una razza al centro dei miei interessi di pittore durante l'adolescenza. 
   In particolare proporrò un'ipotesi  relativa a Gork e Mork, le ben note divinità orchesche, che sono state anche oggetto di recenti post su Oldhammer forum.


Amore fraterno tra Gork e Mork (da WAAARGH: The Orks 1990, p. 61)


L'arrivo in ritardo di Gork e Mork (cosa ti aspettavi da una coppia di orchi?!)


   Da quanto risulta, Gork e Mork appaiono nella narrativa di Warhammer piuttosto tardi, e in 40K: se ne parla la prima volta nel supplemento "WAAARGH: The Orks", di Nigel Stilmann e Bryan Ansell, risalente al 1990 (pp. 60-61). Gli dei gemelli vengono quindi trasposti in Warhammer Fantasy: vedi ad es. "Warhammer armies: Orcs and goblins" di Rick Priestly (1996), p. 67.


Gork e Mork (o Mork e Gork) con un aspetto più impressionante


   Come sono però nati i nomi Gork e Mork? Essi contengono senz'altro la parola "ork", che rimanda chiaramente alla razza da cui sono adorati, e le iniziali potrebbero essere state scelte casualmente.
   Sappiamo però che Warhammer ha preso in modo caotico ispirazione da moltissime fonti: per citare un'espressione di Azazel (del blog "Azazel's bit box") che mi è sembrata particolarmente calzante, esso è  stato come "una grande palla ricoperta di colla rotolata per una biblioteca"!

Lo zampino di Lovecraft?


   Normalmente si considera che l'opera di Lovecraft abbia avuto un'influenza minore su Warhammer rispetto ad altre fonti, come per esempio i libri di Michael Moorcock. Nelle ultime settimane ho letto uno dei famosi racconti di H.P. Lovecraft, "Orrore a Red Hook" (1925, apparso su "Weird Tales" nel 1927). 


Copertina di Raulo Caceres

Mi sono imbattuto in un'invocazione malefica citata più volte, che richiama tra le altre due divinità chiamate Gorgo e Mormo. Eccola di seguito:

"O amico e compagno della notte, tu che ti rallegri dell'abbaiare dei cani e degli spargimenti di sangue, tu che cammini fra le ombre in mezzo alle tombe, che brami sangue e porti terrore ai mortali, GORGO, MORMO, luna dalle mille facce, accetta con favore i nostri sacrifici!"

   Non si tratta di un'invenzione di Lovecraft, ma di una formula magica storicamente attestata e riportata da Ippolito di Roma (II-III sec. d.C.), che Lovecraft conobbe attraverso le voci della "Encyclopaedia Britannica" (è stato scritto un articolo accademico su questo: A. Alexanyan, "Some Philological Observations on 'The Horror at Red Hook' ", in "Lovecraft Annual", 11 [2017], pp. 37-40, che si può leggere qui).
   A questo punto ci chiediamo se si tratti di una mera coincidenza, o i nomi degli dei Gork e Mork possano essere stati ispirati da questa formula nel racconto di Lovecraft, e poi adattati per suonare più orcheschi... Che ne pensate?

venerdì 22 luglio 2022

R: DOWN, DOWN TO THE GNOLL LIAR (2): DAVID GALLAGHER'S “HOMUS HYENUS” / GIU', GIU' NELLA TANA DEGLI GNOLL (2): LO “HOMUS HYENUS” DI DAVID GALLAGHER

Recap of the previous episode


   The amazing detective is looking for the date of production and the name of the sculptor(s) of two sets of Alternative Armies dogmen. For the OH16 set he has a brilliant intuition: to turn the miniatures upside down and to look the bottom of the base. In fact, he easily finds an inscription that confirms how they were sculpted in 1991 by Phil Lewis.
   However, our hero is faced with an insoluble dilemma: despite the difference in style and size, these miniatures would be almost contemporary to those of the other set (OH6), dating back to 1990 according to the information written to him by the manufacturer. A disturbing revelation, however, heralds that things are different than they seem ...

 


Dungeon Dwellers


   Excited by the discovery, I decided to repeat the experiment: I turned the miniatures of dogmen from OH6 set and ... nothing, there is no inscription engraved under the base! I then went to look where few would have had the idea to look for ... "Lost Minis Wiki". 
   Here at last the riddle had its solution. The four miniatures are in fact indicated as previously belonging to the "Dungeon Dwellers" range of Rieder Design, an English manufacturer of jewelry and fantasy-themed miniatures in the 1980s, some of whose moulds later passed to AA. 
   Pack 25, shown in the photo below, had a really bizarre wording: "Homus Hyenus - Four different hyena-troll mutants" and contained the miniatures that would later become AA's "Dogmen Warriors".



   Here is the reason for the 'undersized' stature of the miniatures and the 'old style' in which they are made! 
   We first have confirmation that they are designed for a 25mm scale, as specified in the label; these specimens of "homus hyenus", with their 28 mm from the feet to the top of the head, would therefore have been found to be taller than a human on that scale. 
   Their kinship with the hyenas also ascertained that the source of inspiration are the gnolls of AD&D from 1977 onwards, albeit with a strange cross between hyenas, mutants and trolls that does not seem to have a foundation elsewhere. Perhaps this reflects a distant reminiscence of the mix between gnomes and trolls that was presented in 1974 by D&D (see the post on the prehistory of gnolls). A quirk, this, which would somehow be perpetuated in the Latin indication of "canum cobalorum" with which AA then designated these miniatures, transforming them into a cross between goblins and beastmen. 
   (Pedantic note: it seems, by the way, that in those years the pseudo-Latin was fashionable in the British fantasy, where an ending in -us or in -um was enough and everything acquired another charm...)


David Gallagher's "Homus hyenus"


   As can be seen from the following images, the Rieder Design ad (from "Dragon Magazine", 129, 1988, pp. 44-45) specified that the "Dungeon Dwellers" range was sculpted by a "Dave Gallagher".




   Given the homonymy with the David Gallagher that all Warhammer lovers know as an illustrator, we tried to contact David, who has his own website.
   He kindly replied to our email, confirming that he was the sculptor of the miniatures of the range, probably between the early and mid-1980s, even though he was unable to be more precise in the chronology. He added that at that time he also made some jewelry designs and a couple of paintings for Rieder Design. Regarding our miniatures, David agrees that they were somehow inspired by gnolls, although he admitted he couldn't remember anything more detailed about it.


Beastmen yesterday and today 


   While waiting to be able to update and enrich the files related to the OH6 set on the Lost Minis Wiki, I would like to conclude with an ideal parallel within Gallagher's artistic production. Although David does not appear to have dedicated himself specifically to depiction of beastmen in the world of Warhammer Fantasy, this plate came to mind, which forms the cover of the 7th edition of the Armies of the Empire Supplement (2006).



   In the right corner some gors and ungors appear as antagonists of the imperial halberdiers; and I like to imagine that in the rampant mass of beastmen over the edge of the plate  there may also be the gnolls/dogmen as Gallagher had conceived them twenty years earlier...


UPDATE (28/07/2022)

Now the OH6 dogmen too have their full files on the Lost Minis Wiki!


____________________________________________________________________________________

Riassunto delle puntata precedente

    
   L'ineffabile investigatore è alla ricerca della data di realizzazione e del nome dello scultore (o degli scultori) di due set di uomini cane di Alternative Armies. Per il set OH16 egli ha un'intuizione geniale: girare sottosopra le miniature e guardare sotto. Infatti trova facilmente una scritta che conferma come esse siano state scolpite nel 1991 da Phil Lewis.
   Il nostro eroe si trova però di fronte a un dilemma insolubile: nonostante la differenza nello stile e nelle dimensioni, queste miniature sarebbero quasi contemporanee a quelle dell'altro set (OH6), risalente al 1990 secondo le informazioni trasmessegli dal produttore. Una rivelazione inquietante, tuttavia, preannuncia che le cose siano diverse da come sembrano...



Dungeon Dwellers


   Esaltato dalla scoperta, ho deciso di ripetere l'esperimento: ho ruotato le miniature di uomini cane del set OH6 e...niente, non c'è alcuna scritta incisa sotto la base! Sono allora andato a guardare dove pochi avrebbero avuto l'idea di cercare..."Lost Minis Wiki".
    Qui finalmente l'enigma ha avuto la sua soluzione. Le quattro miniature sono infatti indicate come in precedenza appartenenti alla gamma "Dungeon Dwellers" di Rieder Design, produttore inglese di gioielli e miniature a tema fantasy negli anni Ottanta, alcuni dei cui stampi passarono poi a AA.
   Il pack 25, mostrato nella foto sottostante, aveva una dicitura davvero bizzarra: "Homus Hyenus - Four different hyena-troll mutants" e conteneva le miniature che poi sarebbero divenuti gli "Dogmen Warriors" di AA.



    Ecco svelato il perché della statura 'sottodimensionata' delle miniature e del 'vecchio stile' in cui sono realizzate!
   Abbiamo innanzitutto conferma che esse sono concepite per una scala di 25mm, come è specificato nell'etichetta; questi esemplari di "homus hyenus", con i loro 28 mm dai piedi alla sommità della testa, sarebbero quindi risultati più alti di un umano in quella scala. 
   La loro parentela con le iene accertata inoltre che la fonte d'ispirazione sono gli gnoll di AD&D dal 1977 in poi, pur con uno strano incrocio tra iene, mutanti e troll che non sembra invece avere altrove un fondamento. Forse ciò risente di una lontana reminiscenza del connubio tra gnomi e troll che era presentato nel 1974 da D&D (vedi il post sulla preistoria degli gnoll). Una bizzarria, questa, che si sarebbe in qualche modo perpetuata nell'indicazione latina di "canum cobalorum" con cui AA ha poi designato queste miniature, trasformandole in un incrocio tra goblin e uominibestia. 
   (Nota pedante: sembra tra l'altro che in quegli anni lo pseudo-latino fosse di moda nel fantasy britannico, dove bastava una desinenza in -us o in -um e tutto acquistava un altro fascino...)


Lo "Homus hyenus" di David Gallagher


   Come si può osservare dalle immagini seguenti, l'inserzione pubblicitaria di Rieder Design (proveniente da "Dragon Magazine", 129 del 1988, pp. 44-45) specificava che la gamma  "Dungeon Dwellers" era scolpita da un "Dave Gallagher".




    Vista l'omonimia con il David Gallagher che tutti gli amanti di Warhammer conoscono come illustratore, abbiamo provato a contattare David, che ha un suo sito internet
   Egli ha gentilmente risposto alla nostra mail, confermandoci di essere lo scultore delle miniature della gamma, probabilmente tra gli inizi e la metà degli anni Ottanta, pur senza essere di grado di essere più preciso nella cronologia. Ha aggiunto di aver realizzato in quel periodo per Rieder Design anche modelli di alcuni gioielli ed un paio di tavole. Riguardo alle nostre miniature, David concorda che fossero in qualche modo ispirate agli gnoll, sebbene abbia ammesso di non ricordare altro di piu' circostanziato in merito.


Uominibestia di ieri e di oggi


   In attesa di poter aggiornare ed arricchire le schede relative al set OH6 su Lost Minis Wiki, vorrei concludere con un parallelo ideale all'interno della produzione artistica di Gallagher. Sebbene David non sembra essersi dedicato specificamente alla rappresentazione uominibestia nel mondo di Warhammer Fantasy, mi è tornata in mente questa tavola, che costituisce la copertina della 7a edizione del supplemento degli eserciti dell'Impero (2006).



   Nell'angolo destro compare qualche gor e ungor come antagonista degli alabardieri imperiali; e mi piace immaginare che, oltre il bordo dell'immagine, nella massa dilagante di uominibestia ci possano essere anche gli gnoll/uomini cane come Gallagher li aveva concepiti vent'anni prima...


AGGIORNAMENTO (28/07/2022)


Ora anche gli uomini cane OH6 hanno le loro schede complete su Lost Minis Wiki!

sabato 9 luglio 2022

R: BREAKING NEWS FROM THE GNOLL LIAR: OH16 DOGMEN ON LOST MINIS WIKI NOW! / ULTIM'ORA DALLA TANA DEGLI GNOLL: GLI UOMINI CANE OH16 ADESSO SU LOST MINIS WIKI!

 


    A quick update on Alternative Armies OH16 dogmen, whose year of creation and sculptor I had identified in the previous post, simply by looking at the inscription engraved at the bottom of the base. Thanks to the kindness of Colin Didcott and after some unsuccessful attempts (which once again confirmed my poor computer skills), now each of the four "Elite dogmen" has his own personal file on the Lost Minis Wiki site, with all the information I was able to find and photos of my miniatures. I hope this will be useful to the entire community of miniatures enthusiasts and make what I have "discovered" accessible to a wider audience.
    And next time it will be the turn of the other four dogmen of AA (OH6) who were left dormant...

    P.S. A warm thanks to D for creating the macabre photomontage of the gnoll newsroom at the beginning of the post!

________________________________________________________________________



    Un rapido aggiornamento sugli uomini cane OH16 di Alternative Armies, di cui avevo individuato data di realizzazione e scultore nel post precedente, semplicemente guardando la scritta incisa sotto la base. Grazie alla disponibilità di Colin Didcott e dopo alcuni tentativi fallimentari (che hanno dimostrato ancora una volta le mie scarse competenze informatiche), ora ognuno dei quattro "Elite dogmen" ha una sua scheda personale sul sito Lost Minis Wiki, con tutte le informazioni che ho potuto individuare e le foto delle mie miniature. Spero che questo sia utile all'intera comunità degli appassionati di miniature e renda fruibile ad un pubblico più largo quanto da me "scoperto".
    E la prossima volta sarà il turno degli altri quattro uomini cane di AA (OH6) che erano rimasti in sospeso...

    P.S. Un caloroso ringraziamento a D per aver realizzato il macabro fotomontaggio della redazione giornalistica gnoll che compare in apertura del post!


domenica 19 giugno 2022

R: DOWN, DOWN TO THE GNOLL LIAR (1): PHIL LEWIS' S DOGMEN / GIU', GIU' NELLA TANA DEGLI GNOLL (1): GLI UOMINI CANE DI PHIL LEWIS

Uncertain paternity?


    I had already tried in a previous post to find some reliable information about the year of production and the identity of the miniatures of dogmen by Alternative Armies, corresponding to the codes OH6: Dogman warriors and OH16: Dogman elites. They consist of two sets, each made up of four miniatures, which have different size and style, but which seem to share similar clothing and equipment.


(above): OH16: Dogman elites; (below) OH6: Dogman warriors


    I asked Gavin Syme of AA, who kindly informed me that OH6 dates from 1990, while OH16 dates from 1993, and both were originally labeled "Weremen". He also specified that the two sets were not made by the same sculptor but he assumes that OH6 can be attributed to the hand of Bob Olley - although information on this aspect is no longer available in the manufacturer's archive.
    That only three years elapsed between the production of the first and second groups is a little puzzling to me, as the OH6 dogmen appear much more 'old-fashioned' and smaller in size than their OH16 comrades.



Phil Lewis's dogmen


 Looking closer at the miniatures - really a stroke of genius, right? -  I saw that the OH16 dogmen are lucky enough to have an inscription engraved under the base bearing the date 1991 and the abbreviated name "Phil." or "Phil. L.".



    It can therefore be said that these pieces were actually sculpted in 1991, although they were then put into production and marketed in 1993 according to what Syme told me. This would bring them even closer over time to those of OH6, making the two sets almost contemporary.
    For the sculptor's name, one clearly recognizes that of Phil Lewis, known for his collaboration with Games Workshop in the 1980s in the roles of photographer, painter and sculptor, as is well reconstructed in the interview made with him by Orlygg almost ten years ago. In addition to design some iconic Citadel sets ("The Chaos All-Stars"), he then sculpted fantasy miniatures for other manufacturers such as Heartbreaker and Alternative Armies, and more recently (under the nickname of Techno) devoted himself to historical figures in lesser scale for Pendraken Miniatures.


Lewis's Skeleton Leader (former Heartbreaker, now Ral Partha Europe)


    Since they do not have any explanatory writing, the other four dogmen (OH6) would remain a puzzle, if browsing the web I had not found a valuable supplementary indication.  But I'll write about this in the next post; for the moment I give only a clue ...



_______________________________________________________________________


Paternità incerta?


    Avevo già tentato in un post precedente di ricavare qualche elemento sicuro circa l'anno di produzione e l'identità delle miniature di uomini cane di Alternative Armies, corrispondenti ai codici OH6: Dogman warriors e OH16: Dogman elites Esse sono costituite da due gruppi di quattro miniature di dimensioni e stile diversi, ma che sembrano avere similitudini nell'abbigliamento e nell'equipaggiamento.


(sopra) OH16: Dogman elites; (sotto) OH6: Dogman warriors

 

    Mi sono rivolto a Gavin Syme di AA, che mi ha gentilmente comunicato che OH6 risale al 1990, mentre OH16 al 1993, ed entrambi in origine erano etichettati come "Weremen". Egli ha inoltre precisato che i due set non sono stati realizzati dallo stesso scultore, ma ipotizza che OH6 possa essere ricondotto alla mano di Bob Olley - sebbene non siano più disponibili informazioni su questo aspetto nell'archivio della ditta.
    Che tra la realizzazione del primo e quella del secondo gruppo fossero trascorsi soltanto tre anni mi è apparso un po' sorprendente, visto che gli uomini cane di OH6 appaiono molto più 'vecchio stile' e di dimensioni più ridotte rispetto ai loro compagni di OH16.


    

I dogmen di Phil Lewis   


 Osservando meglio le miniature - davvero un colpo di genio, giusto?! -  ho visto che gli uomini cane OH16 hanno la fortuna di avere una scritta incisa sotto la base che riporta la data 1991 e il nome abbreviato "Phil." o "Phil. L.".



    Si può di conseguenza affermare che questi pezzi furono effettivamente scolpiti nel 1991, anche se poi messi in produzione e in commercio nel 1993 stando a quello che Syme mi ha riferito. Ciò li avvicinerebbe ancora di più nel tempo a quelli di OH6, rendendo i due set quasi contemporanei. 
Per il nome dello scultore, si riconosce chiaramente quello di Phil Lewis, noto per la sua collaborazione con la Games Workshop negli anni Ottanta nei ruoli di fotografo, pittore e scultore, come è ben ricostruito nell'intervista fattagli da Orlygg quasi dieci anni fa. Oltre ad aver realizzato alcuni iconici set Citadel ("The Chaos All-Stars"), ha poi scolpito miniature fantasy per altri produttori come Heartbreaker e Alternative Armies, e più di recente (con il soprannome di Techno) si è dedicato a figure storiche in scala minore per Pendraken Miniatures.


Skeleton Leader di Lewis (ex Heartbreaker, ora Ral Partha Europe)


    Dato che non sono dotati di nessuna scritta esplicativa, gli altri quattro uomini cane (OH6) resterebbero un'incognita, se navigando su internet non avessi trovato una preziosa indicazione supplementare. Di questo scriverò però nel prossimo post; per il momento fornisco soltanto un indizio...



sabato 11 giugno 2022

R&D: PRECIOUSSS PRESENTS / REGALI CHE SONO TESSSORI

    We come back after a period of intense work for R, who hasn't left a minute free for our hobby. Even though May passed without a single post, we want to start over by remembering that that month we celebrated R's birthday, who received gifts inspired by the Lord of the Rings.
    The first was given to him by D (who deserves credit for the idea) and her mother G: a fantastic mug in the shape of Gollum's head!


-


    This gift was much appreciated above all for the pleasant experience lived by R, that is to have his breakfast in the head of the disturbing being. As R can confirm, spooning porridge or cereal from Gollum's skull is an impressive practice... and it adds extra flavor to what you eat.
    The details of the mug are very refined: the pimples and warts are highlighted and protruding at the right point, the wrinkles shape the face with a suspicious expression, the fangs are sharp, the eyes are large, just like in the film.



Consequently, R's parents decided to combine it as a gift with a precious accessory dish equipped with nothing less than the One Ring.



Here is finally the set arranged on the table for an Italian-style breakfast ...



(note the non-accidental shape of the biscuit!)


___________________________________________________________________________________


    Ci rifacciamo vivi dopo un periodo di intenso lavoro per R, che non ha lasciato un minuto libero per il nostro hobby. Anche se maggio è trascorso senza neanche un post, vogliamo ricominciare ricordando che in questo mese abbiamo festeggiato il compleanno di R, che ha ricevuto regali ispirati al Signore degli Anelli.
    Il primo gli è stato regalato da D (alla quale va il merito dell'idea) e da sua madre G: una fantastica tazza a forma di testa di Gollum!



    Questo regalo è stato molto apprezzato soprattutto per la gradevole esperienza vissuta da R, cioè consumare la sua colazione nella testa dell'inquietante essere. Come R può confermare, pescare il porridge o i cereali con il cucchiaio dal cranio di Gollum è una pratica impressionante...e dà un sapore in più a ciò che mangi. 
    I dettagli della tazza sono molto rifiniti: i brufoli e le verruche sono evidenziate e sporgenti al punto giusto, le rughe modellano il viso con un'espressione sospettosa, le zanne sono acuminate, gli occhi sono grandi, proprio come nel film.



    Di conseguenza i genitori di R hanno deciso di abbinare ad essa come regalo un prezioso piattino munito niente di meno che dell'Unico Anello.



Ecco finalmente il set disposto sul tavolo per una colazione in stile italiano...



(da notare la forma non casuale del biscotto!)

lunedì 18 aprile 2022

R&D: GO FANTASY SHOPPING (TO BUY FANTASY COINS) / ANDARE A FARE FANTASY SHOPPING (PER COMPRARE FANTASY COINS)

    In the days immediately preceding Easter, D went to Florence with her mother G for a walk and some shopping. And (luckily for her parents) instead of heading to the overpriced luxury fashion boutiques, she was drawn to other kinds of shops.
   Incredibly, D managed to drag G into a well-stocked fantasy games, books, miniatures and accessories store in Florence, without G having a sudden allergic reaction to all that.
    In addition to a pot of Averland Sunset paint that R needed in his painstaking paint job, D brought home three coins from DRAWLAB's "Legendary coins" range for cheap.
They are, from left to right:
    - a Necromancer coin, which bears some canonical esoteric symbols such as the skull, the five-pointed star and clawed hands that make apotropaic gestures, combined with the enigmatic inscription "Aly lied" (???) and the name "Ktulu", just so as not to miss a reference to Lovecraft;
   - a Goblin coin, which features a portrait of a goblin himself and his scimitar, some incomprehensible words evidently in an alleged goblin language, and a hole (perhaps one of its owners tasted it to ascertain if it was edible);
    - a classic Dwarven coin, very scenic, with its set of hammer, lightning, geometric patterns and runes.




    We have no plans to use them for any games, but they are still well-crafted and fascinating pieces to keep in our "fantasy equipment".
    We invite you to also watch the video (unfortunately only in Italian) that D made to present his new purchases and which is published on Rodorhammer's youtube channel.



Happy Easter Monday to all of you!

___________________________________________________________________

    Nei giorni immediatamente precedenti alla Pasqua, D è andata a Firenze con sua madre G per una passeggiata e un po' di shopping. E (per la fortuna dei suoi genitori) invece di dirigersi verso le costosissime boutiques di alta moda, è stata attratta da altro genere di negozi.
    Incredibilmente, D è riuscita nell'impresa di trascinare G dentro un negozio di giochi, libri, miniature e accessori fantasy molto fornito a Firenze, senza che G avesse un improvviso attacco allergico a tutto questo.
    Oltre a un vasetto di pittura Averland Sunset che serviva a R nel suo lentissimo lavoro di pittura, D ha riportato a casa a poco prezzo tre monete della gamma "Legendary coins" di DRAWLAB. 
Si tratta, da sinistra a destra, di:
    - una moneta dei negromanti, che reca alcuni canonici simboli esoterici come il teschio, la stella a cinque punte e mani unghiute che fanno gesti apotropaici, abbinati all'enigmatica iscrizione "Aly lied" (???) e al nome "Ktulu", tanto per non farsi mancare un riferimento a Lovecraft;
    - una moneta goblin, che presenta un ritratto di un goblin stesso e della sua scimitarra, alcune parole incomprensibili evidentemente in una presunta lingua goblin, e un foro (forse uno dei suoi proprietari l'ha assaggiata per sentire se era commestibile);
    - una classica moneta nanica, molto scenografica, con il suo corredo di martello, fulmini, motivi geometrici e rune.




    Non abbiamo in programma di utilizzarle per nessun gioco, ma sono comunque dei pezzi ben fatti e affascinanti da tenere tra il nostro "equipaggiamento fantasy".
    Vi invitiamo a guardare anche il video (purtroppo solo in italiano) che D ha realizzato per presentare i suoi nuovi acquisti e che è pubblicato sul canale youtube di Rodorhammer.



Buona Pasquetta a tutti! 

mercoledì 6 aprile 2022

R&D: HELLANA GAMES 2022

 

    Last Sunday a wargames fair was held in Agliana, a small town in Tuscany with a very active modeling group: the "Gruppo Ludico Aglianese" (here their website and facebook page). It was the twentieth edition of the event, even if this year is the first to be held after a two-year hiatus due to the covid emergency. It is not a large-scale event, but which nevertheless attracted people from all over Italy.



    Being also the first edition that takes place since we returned to the hobby, it seemed like a good opportunity to take a dip in the world of miniature painting and wargame, so we went to visit it in the afternoon. We were exceptionally accompanied by G - R's wife and D's mother respectively - who has a very limited tolerance towards everything related to miniatures, wargames, role-playing games and the whole fantasy world!
    The event was hosted in a school gym, where the gaming tables were put in the center, while the stands of exhibitors and sellers were arranged along the walls.






    The event was more focused on historical modeling and  wargame, although there were also stands offering fantasy games and miniatures for sale, with even some oldhammer pieces.




      The only manufacturer present was MIRLITON of Florence, and in its stand D was attracted by these boxes of medieval dioramas (the butcher's shop, the bell wagon, the "scriptorium" of a monastery.  





    Among the painted miniatures exhibited by some hobbyists, we were struck by those of Davide Segatori, and especially by two small dioramas from the Roman era and by the miniatures of a gladiator and a centurion on a larger scale.





    Various historical periods were represented on the gaming tables, from antiquity to the Second World War. There was also a table for WHFB, but we couldn't photograph it as unfortunately it was already being dismantled when we arrived. Here are some photos (exceptionally coming not blurry due to D's embarrassment of taking pictures in the crowd!).





    The most spectacular table, however, was that of the battle of Faenza in 1500, with the assault of Cesare Borgia on the city.







    Despite the many temptations, we both managed to BUY NOTHING, mentally doing the mantra that we must first conclude the ongoing projects and not accumulate other pieces in our "pile of shame"...
    However, the visit, as well as fun, was used to hold in our hands some miniatures and materials that we had only seen in photos on the web and to realize how they really are, to consider or exclude their purchase in the future. And now put our nose to the grindstone and complete some miniatures, so that at the next fair we can buy a lot!

____________________________________________________________________________________


    Nella giornata della scorsa domenica si è tenuta una fiera di wargames ad Agliana, un piccolo paese della Toscana con un gruppo di modellismo molto attivo: il "Gruppo Ludico Aglianese" (qui la loro sito e la pagina facebook). Si trattava della ventesima edizione della manifestazione, anche se quella di quest'anno è la prima che si tiene dopo un'interruzione di due anni dovuta all'emergenza covid. E' un evento non su vasta scala, ma che comunque ha attirato persone da tutta Italia.



    Essendo anche la prima edizione che si svolge da quando noi siamo ritornati all'hobby, ci è parsa una buona occasione per fare un tuffo nel mondo della pittura di miniature e del wargame, per cui siamo andati a visitarla nel pomeriggio. Siamo stati accompagnati eccezionalmente da G - rispettivamente moglie di R e madre di D - che ha una tolleranza molto limitata verso tutto ciò che riguarda miniature, wargames, giochi di ruolo e l'intero mondo fantasy!

    L'evento è stato ospitato nella palestra di una scuola, dove al centro erano stati concentrati i tavoli da gioco, mentre a ridosso delle pareti si erano sistemati i banchi di espositori e venditori.





    La manifestazione era concentrata maggiormente sul modellismo e sul wargame storico, anche se c'erano anche stand che proponevano giochi e miniature fantasy in vendita, con persino qualche pezzo oldhammer. 





    L'unico produttore presente era MIRLITON di Firenze, dove D è stata attratta da queste scatole di diorami medievali (una macelleria, il carro della martinella, lo "scriptorium" di un monastero).



 




    Tra le miniature dipinte esposte da alcuni hobbisti, siamo stati colpiti da quelle di Davide Segatori, ed in particolare da due piccoli diorami di epoca romana e dalle miniature di un gladiatore e di un centurione a scala maggiore.






    Sui tavoli da gioco erano rappresentate diverse epoche storiche, dall'antichità alla seconda guerra mondiale. C'era anche un tavolo per WHFB, ma non l'abbiamo potuto fotografare perché purtroppo stava già venendo smantellato quando siamo arrivati. Ecco qualche foto (eccezionalmente venuta non sfocata a causa dell'imbarazzo di D di scattare foto tra la folla!).







    Il tavolo però più scenografico è stato quello della battaglia di Faenza del 1500, con l'assalto di Cesare Borgia alla città.






    Nonostante le moltissime tentazioni, siamo riusciti entrambi a NON COMPRARE NIENTE, recitando mentalmente il mantra che prima dobbiamo concludere i progetti in corso e non cumulare altri pezzi nel nostro "mucchio della vergogna"...
    Comunque la visita, oltre che divertente, è servita per toccare con mano alcune miniature e materiali che avevamo visto solo in foto sul web e renderci conto di come sono realmente, per considerarne o escluderne l'acquisto in futuro. E ora sotto con le miniature da finire, così che alla prossima fiera potremo fare man bassa!    

R: GORK, MORK AND...LOVECRAFT / GORK, MORK E...LOVECRAFT!

     The great heat of the summer blocked any intention to continue the already slow paintjob (and I believe that repainting the balcony rai...