domenica 10 ottobre 2021

R: A NEWCOMER GNOLL AND A BIG DUDE / UNO GNOLL APPENA ARRIVATO E UN GROSSO TIPO

    After a very long break, due to the long and hot summer and a lot of work, I come back to show up with a post about my gnolls/dogmen project. Unfortunately I did not go on with the painting work, and I have watched with great envy the progress of many other miniature painters.

    In the meantime, I had the opportunity to get some minor accessories for basing, such as suitable bases, tombstones, shields, and other objects with which to enrich the scene. Furthermore, I would like to present at least a newcomer, who has actually been waiting for a few months in a box: it is the gnoll archer with bare head, which D and my wife gave me in spring for my birthday. Here is the new member next to his (not very successful) cardboard template with which I had replaced him in the regiment while waiting to get him.



 

    With him I was able to complete the series of the five Advanced Dungeons & Dragons Citadel archers (ADD55) designed by Goodwin. I now realize that, starting this project, I underestimated the rarity of these gnolls, which are extremely difficult to find. I still haven't found the last of the four gnolls armed with an axe and three of those with pole weapons. The search continues!

    However, I managed to get my hands on a miniature that I will use as a unit filler on the right side of the regiment, with the value of four miniatures: it is the giant zombie wolf from Confrontation - an original piece, not a recast.

 



    This miniature, not so easy to find today, immediately fascinated me and it seems to me that it goes well with the rest of the pack (after all, a wolf is a relative of dogs...). From an aesthetic point of view, the Rackham wolfen have a very narrow body at the waist, more than the build of the Citadel and Alternative Armies gnolls, but this being is a dead and worn corpse, and it is therefore plausible that it could be very emaciated. About the reason for his presence in a pack of dogmen I already have a story in mind ... ever heard of "whiterlings"?

    While waiting to move on to painting the first models, in the next post I will illustrate how I want to build the whole of my unit and the kind of narrative I have designed accompany it. See you soon!

______________________________________________________________________


    Dopo una lunghissima pausa, dovuta alla lunga e calda estate e a molto lavoro, torno a farmi vivo con un post sul mio progetto degli gnoll/uomini cane. Purtroppo non sono andato avanti nel lavoro di pittura, ed ho guardato con grande invidia i progressi di molti altri pittori.

    Ho avuto nel frattempo modo di procurarmi alcuni accessori minori per l’imbasettamento, come basi adatte, pietre tombali, scudi, ed altri oggetti con cui arricchire la scena. Inoltre vorrei almeno presentare un nuovo arrivato, che per la verità aspetta da alcuni mesi in una scatola: si tratta dell’arciere gnoll con il capo scoperto, che D e mia moglie mi hanno regalato in primavera per il mio compleanno. Ecco il nuovo membro accanto alla sua sagoma di cartone (non molto riuscita) con la quale lo avevo sostituito nel reggimento in attesa di procurarmelo.

 


    Con esso sono riuscito a completare la serie dei cinque arcieri Citadel Advanced Dungeons & Dragons (ADD55) disegnati da Goodwin. Mi rendo ora conto che, iniziando questo progetto, avevo sottovalutato la rarità di questi gnoll, che sono estremamente difficili da trovare. Ancora non ho trovato l’ultimo dei quattro gnoll armato di ascia e ben tre di quelli con armi in asta. La ricerca continua!

    Ce l'ho però fatta ad accaparrarmi una miniatura che userò come unit filler nella parte destra del reggimento, con il valore di quattro miniature: si tratta del lupo zombie gigante di Confrontation - un pezzo originale, non un recast.

 



    Questa miniatura, oggi di non così facile reperibilità, mi ha subito affascinato e mi sembra si abbini bene con il restante branco (d'altronde un lupo è parente dei cani...). Dal punto di vista estetico, i wolfen Rackham hanno un corpo dalla vita molto sottile, più della corporatura degli gnolls Citadel e Alternative Armies, ma questo essere è un cadavere morto e consunto, ed è quindi plausibile che possa essere molto smunto. Per la sua presenza in un branco di uomini-cane ho già in mente una storia…mai sentito parlare di "whiterling"?

    In attesa di passare alla pittura dei primi modelli, nel prossimo post illustrerò come voglio costruire l’insieme della mia unità e il genere di narrazione che ho progettato la accompagni. A presto!

venerdì 30 aprile 2021

R: THE NUTHGNAWERS ARE COMING! GLI NUTHGNAWERS STANNO ARRIVANDO!

    Compared to the times I had planned, the work on my project of the band of dogmen suffers a considerable delay due to the difficulty of obtaining some materials, both because they are rare and because supplies are slowed down by the emergency we are experiencing. The patience normally necessary for this hobby must be exercised even in these long waits ...

    However, the design phase has been actively progressing, and in order not to let the month of April pass without any news, I want to at least offer some preview photos of how the project should be carried out. Using a lot of cardboard to replace missing shields and bases, as well as some miniatures that I have yet to purchase but have already decided on the placement, here's how the unit should be presented.

A frontal view...

          

...a top view...

          

...and a bird's eye view.

          

The band will consist of 24 miniatures with 25x25 mm bases, for unit dimensions of 9 bases wide and 3 bases deep. In the rear left corner the space of four bases will instead be occupied by a unity filler with a larger figure, which at the moment I do not want to reveal. Since gnolls with more dog features are quite rare, I have put together 3 different sets of miniatures, which I think complement each other. In addition to the group I had already owned for some time of 4 dogmen from Alternative Armies, slightly smaller in size, I bought another 4 dogmen from the same company, which are larger, but seem to me clearly inspired by the precedents in weapons and clothing, and are therefore compatible.

                                

                                

    The bulk, however, is made up of the 14 Citadel gnolls sculpted by Jes Goodwin (I currently own 9 of them), plus a slightly slimmer gnoll, equally Citadel but part of the Dungeon Monsters set.

          

                                 

    The difference in size between these groups is not in my opinion a problem, because in any case within this breed, changed by chaos, there can be larger and smaller specimens - in the same way as dogs, after all. Indeed, these differences in size can be useful in establishing a hierarchy within the raiding group, as happens in an animal pack, but also according to what happens between the gnolls of AD&D and the beastmen of Warhammer. From the perspective point of view, then, I tried to mix the models of various producers and to place the smaller ones in high positions or that in any case did not make the difference in height stand out too much.

    One difficulty in unifying the 3 sets and "normalizing" them to make them a playable unit of WHFB or T9A are the bases: while the Citadel gnolls have the tab to be inserted into a classic plastic base, the other two groups have integrated metal bases - among other things of different size and thickness! Therefore, it will be necessary to insert them in inverted bases to make them similar to the others. Unfortunately for now I have only managed to get two, but I hope that the others will not be long in coming.

    We will have the opportunity to talk about the name I chose for the band in a future post ....

__________________________________________________________________________

    Rispetto ai tempi che avevo programmato, il lavoro sul mio progetto delle banda di uomini-cane sconta un notevole ritardo dovuto alla difficoltà di procurarsi alcuni materiali, sia perchè rari, sia perchè le forniture sono rallentate dall'emergenza che stiamo vivendo. La pazienza necessaria normalmente a questo hobby va esercitata anche in queste lunghe attese...

    La fase progettuale è comunque andata avanti attivamente, e per non lasciar passare il mese di aprile senza alcuna notizia, voglio almeno offrire qualche foto in anteprima di come il progetto dovrebbe essere realizzato. Usando molto cartone per sostituire scudi e basette mancanti, come anche alcune miniature che devo ancora acquistare ma di cui ho già deciso la collocazione, ecco come si dovrebbe presentare l'unità.

Una vista frontale...

... una dall'alto...

...e uno a volo d'uccello.


    La banda sarà composta da 24 miniature con basi di mm 25x25, per dimensioni dell'unità di 9 basi di larghezza e 3 basi di profondità. Nell'angolo posteriore a sinistra lo spazio di quattro basette sarà invece occupato da uno unity filler con una figura di maggiori dimensioni, che al momento non voglio svelare.     Poiché gli gnoll con fattezze più canine sono abbastanza rari, ho messo assieme 3 diversi insiemi di miniature, che a mio avviso si integrano tra loro. Oltre al gruppo che già possedevo da tempo di 4 uomini-cane di Alternative Armies, di dimensioni leggermente più piccole, ho acquistato altri 4 uomini-cane della stessa ditta, che sono più grandi, ma mi sembrano chiaramente ispirati ai precedenti nelle armi e nell'abbigliamento, e che quindi sono compatibili. 



Il grosso, tuttavia, è composto dai 14 gnolls Citadel scolpiti da Jes Goodwin (al momento ne possiedo 9), cui si aggiunge uno gnoll leggermente più esile, ugualmente Citadel ma facente parte del Dungeon Monsters set. 




    La differenza di dimensioni tra questi gruppi non è a mio avviso un problema, perché comunque all'interno di questa razza, mutata dal caos, possono trovarsi esemplari di taglia più grande ed esemplari più piccoli - allo stesso modo dei cani, in fondo. Anzi, queste differenze di dimensioni possono tornare utili per stabilire una gerarchia all'interno del gruppo di razziatori, come accade in un branco animale, ma anche secondo quanto succede tra gli gnoll di AD&D e gli uomini bestia di Warhammer. Dal punto di vista prospettico, poi, ho cercato di mescolare i modelli delle diverse ditte e di porre quelli più piccoli in posizioni elevate o che comunque non facessero troppo risaltare la differenza di statura.

    Una difficoltà a uniformare i 3 insiemi e a "normalizzarli" per renderli un'unità giocabile di WHFB o di T9A sono le basi: mentre gli gnoll Citadel hanno la linguetta da inserire in una classica base di plastica, gli altri due gruppi hanno basi in metallo integrate - tra l'altro di dimensioni e spessore diversi tra loro! Sarà quindi necessario inserirle in basi invertite per renderle analoghe agli altri. Purtroppo sono per ora riuscito a procurarmene solo due, ma spero che le altre non tardino ad arrivare.

    Del nome che ho scelto per la banda avremo invece modo di riparlare in un prossimo post....

domenica 14 marzo 2021

R: THE PREHISTORY OF GNOLLS / LA PREISTORIA DEGLI GNOLL

Having concluded that gnolls, at least in their most canine form, may well fit among Warhammer Old World beastmen, I gradually came up with the idea of ​​creating a band of dogmen, who engage in raids in the Empire.

    I have not yet wanted / been able to start painting the dogmen I currently have, both because I would like to create a larger band and because I am progressively buying all the materials necessary for the hobby after many years of interruption. Nevertheless, since a very fascinating part of this activity for me is also reflecting on the Warhammer lore and on how what I paint can be adapted to it, I have decided to work out in the meantime a more precise identity for my gang, especially as it is composed entirely of a variety of beasts almost ignored compared to goat/cattle beastmen.

    From some research on the web it emerged that the origin of the name of the D&D gnolls is a 1912 short story by Lord Dunsany (Edward Plunkett), "HOW NUTH WOULD HAVE PRACTISED HIS ART UPON THE GNOLES" (available online here), which tells of a burglar, Mr. Nuth precisely, who together with his assistant ventures into the wood of the gnoles to steal their gemstones. However, the gnoles, who had spied on the two intruders through holes in the trees, kidnap the unfortunate apprentice, while Nuth runs away empty-handed. Nothing, apart from the name, is related to these gnoles who live in the woods in a tall house and who extract emeralds from the underground with the hyeniform gnolls of D&D and the subsequent fantasy tradition.



    Indeed, Lord Dunsany did not describe either the physical appearance of the gnoles or the precise end of Nuth's assistant and an idea of how gnoles might have been conceived is provided by the illustration accompanying the tale. Because of this vagueness, a later story, clearly inspired by the first and written in 1951 by Margaret St. Clair, felt free to describe the gnoles as shapeless beings with many eyes, tentacles instead of arms and explicitly anthropophagous.

    In fact, at first even the creators of D&D had conceived in 1974 their gnolls not as hyena-men, but as "a cross between Gnomes and Trolls", simply taking a cue from the name "gnoll" ("Monsters&Treasure, p. 8, with figure at p. 10, available here). A few years later, in 1981, among the Fantasy Tribes of the Citadel miniatures there were also gnolls (which would later be transformed into goblins) as can be seen from that year's blue catalogue (p. 11), available online at Stuff. of Legends. These are a couple of photos taken from a review as complete as possible of the Lost Minis Wiki.


                                                  





    To what extent these Citadel gnolls were heavily inspired by the D&D's Monster manual was the subject of a discussion on the "Lead Adventure Forum" (see here). However, already in 1977 in AD&D 's Manual (p. 46, available in pdf at the following link) there had been a radical change and the gnolls would have taken on the completely different beastly physiognomy that has now become the standard one.



    This physiognomy would then materialize in a new series of Citadel miniatures sculpted in 1985 by Jes Goodwin, as mentioned in the previous post. I also report here an image of another contemporary Citadel miniature inserted in the AD&D Dungeon monsters box (see here), which closely follows the illustration in the AD&D Manual.


    All the evolution of gnolls, from the gnoles of 1912 to the current anthropomorphic hyenas can be found in more detail in Paul Haynie's book, "A Brief History of Gnolls: Anthropophagy and Emeralds from Wales to Winsconsin and Beyond" (2nd edition 2016) - the same author has also wrote an online article about it: "Gnoll History Rewrite"For a very precise (and ironic) explanation of the development of gnolls within D&D / AD&D you can consult this link instead.




    I was fascinated by the attempts to find iconographic and narrative inspiration for the world of Warhammer and its miniatures even in real historical periods, as Jaeckel Alone has been doing lately for his mercenary dwarves inspired by the 15th century Swiss Confederate army (see the latest posts of his blog). I therefore decided to give a greater depth to my band of raiders, accumulating different references, coming from history, literature and folklore, which give a very particular aspect to the miniatures and their bases, and that somehow takes into account the evolution of these fantasy characters.

______________________________________________________________________

Avendo concluso che gli gnoll, almeno nella loro forma più canina, possono ben inserirsi tra gli uomini bestia del Vecchio Mondo di Warhammer, ho gradualmente concepito l'idea di creare una banda di uomini cane, impegnati a condurre incursioni nell'Impero.

    Non ho ancora voluto/potuto iniziare a dipingere gli uomini cane che attualmente ho, sia perché vorrei creare una banda più numerosa sia perché sto progressivamente acquistando tutti i materiali necessari all'hobby dopo molti anni di interruzione. Ciononostante, visto che una parte per me molto attraente di questa attività è anche riflettere sulla saga di Warhammer e su come ciò che dipingo si può inserire in essa, ho deciso di elaborare nel frattempo un'identità più precisa per la mia banda, tanto più che è composta interamente da una varietà di bestie quasi ignorata rispetto agli uomini bestia caprini/bovini.

    Da qualche ricerca sul web è emerso che all'origine del nome degli gnoll di D&D vi sarebbe un racconto del 1912 di Lord Dunsany (Edward Plunkett), "HOW NUTH WOULD HAVE PRACTISED HIS ART UPON THE GNOLES" (disponibile online qui), che narra di uno scassinatore, il signor Nuth appunto, che assieme al suo assistente si avventura nel bosco degli gnoli per rubare le loro pietre preziose. Gli gnoli tuttavia, che avevano spiato i due intrusi attraverso buchi negli alberi, rapiscono il malcapitato apprendista, mentre Nuth se ne scappa a mani vuote. Nulla, a parte il nome, apparenta questi gnoli che vivono nel bosco in un'alta casa e che estraggono smeraldi dal sottosuolo con gli gnoll ieniformi di D&D e della successiva tradizione fantasy.



    Anzi, Lord Dunsany non descrisse nè l'aspetto fisico degli gnoli nè la fine precisa dell'assistente di Nuth, e un'idea di come gli gnoli potevano essere concepiti la fornisce l'illustrazione che accompagnava il racconto. A causa di questa vaghezza, un racconto successivo, chiaramente ispirato al primo e scritto nel 1951 da Margaret St. Clair, si sentì libero di descrivere gli gnoli  come esseri informi con molti occhi, tentacoli al posto delle braccia ed esplicitamente antropofagi.
    Infatti in un primo momento anche i creatori di D&D avevano concepito nel 1974 i loro gnoll non come uomini-iena, bensì come "un incrocio di gnomi e troll", prendendo semplicemente spunto dal nome "gnoll" ("Monsters&Treasure, p. 8, con fig. a p. 10, disponibile qui). Pochi anni dopo, nel 1981, tra le Fantasy Tribes delle miniature Citadel erano apparsi anche degli gnoll (che sarebbero poi stati trasformati in goblin), come si vede dal catalogo blu di quell'anno (p. 11), disponibile online su Stuff of Legends. Queste sono un paio di foto tratte da una rassegna il più possibile completa di Lost Minis Wiki.

   




    Fino a che punto questi gnoll Citadel fossero latamente ispirati al Manuale dei mostri di D&D è stato oggetto di una discussione su "Lead Adventure Forum" (vedi qui). 
Comunque, già nel 1977 nel Manuale AD&D (p. 46, disponibile in pdf al seguente link) c'era stato un radicale cambiamento e gli gnoll avrebbero assunto la fisionomia bestiale completamente diversa che è oggi diventata quella standard.




    Questa fisionomia si sarebbe poi tradotta in una nuova serie di miniature Citadel scolpita nel 1985 da Jes Goodwin, come detto nel post precedente. Riporto qui anche l'immagine di un'altra miniatura Citadel contemporanea ed inserita nel AD&D Dungeon monsters box (cf. qui), che segue molto da vicino l'illustrazione del Manuale AD&D.




    Tutta l'evoluzione degli gnoll, dagli gnoli del 1912 fino alle attuali iene antropomorfe può essere trovata con maggiori dettagli nel libro di Paul Haynie, "A Brief History of Gnolls: Anthropophagy and Emeralds from Wales to Winsconsin and Beyond" (2a edizione 2016) - il medesimo autore ha scritto anche un articolo online in merito: "Gnoll History Rewrite". Per un'esposizione molto precisa (ed ironica) dello sviluppo degli gnoll all'interno di D&D/AD&D si può invece consultare questo link.


     Sono rimasto affascinato dai tentativi di trovare ispirazione iconografica e narrativa per il mondo di Warhammer e le sue miniature anche in reali periodi storici, come ultimamente sta facendo Jaeckel Alone per i suoi nani mercenari ispirati all'esercito confederato svizzero del XV sec. (vedi gli ultimi post del suo blog) Ho deciso quindi di dare un maggiore spessore alla mia banda di razziatori, cumulando riferimenti diversi, provenienti dalla storia, dalla letteratura e dal folklore, che diano un aspetto molto particolare alle miniature e alle loro basi, e che tenga in qualche modo conto dell'evoluzione di questi personaggi fantasy.

giovedì 18 febbraio 2021

D: AN AMBUSH IN THE FOREST / UN AGGUATO NELLA FORESTA

For my project, I'm going to do a basing set in the Great Forest of Ostermark, in the Empire.



I chose the Ostermark forest because through some research on the web I found some information that helped me to understand that, in the Ostermark area, beastmen are not particularly "appreciated".

For now I have only one goat (bestigor), which I painted:

 



However, I ordered additional Old Warhammer ten gors as a birthday present on Ebay:

I'll proceed with the following steps:

1) I will choose four gors and my bestigor: a small team of five goats;

2) On the bases I will put some autumn leaves and the rocks I created with cork;

3) I will put the goats hidden behind rocks or in a "stalking" position.


                                                              

I wait for the goats to arrive and then I'll start!

_________________________________________________________________________

Per il mio progetto, ho intenzione di fare un imbasettamento ambientato nella  Grande Foresta di Ostermark, nell'Impero.


Ho scelto la foresta di Ostermark  perché con qualche ricerca sul web ho trovato alcune informazioni che mi hanno aiutato a capire che, nella zona dell'Ostermark, gli uomini bestia non sono particolarmente "apprezzati".

Per adesso ho soltanto un solo caprone (bestigor), che ho dipinto:



Ho però ordinato su Ebay  come regalo di compleanno altri 10 gors di Old Warhammer:

Procederò con questi passaggi:

1)  Sceglierò  4 gors e il mio bestigor: una piccola squadra di 5 caproni;

2)  Sulle basette metterò delle foglie autunnali e  le rocce che ho creato con il sughero;

3)  Metterò i caproni nascosti dietro alle rocce o in" posizione di "appostamento ".


                                                              

    Aspetto che arrivino i caproni e poi comincerò!

domenica 14 febbraio 2021

R: GNOLLS AND BEASTMEN/ GNOLL E UOMINI BESTIA


We left off at the dog-men of Alternative Armies and the identity of the gnolls from which they seem to have derived... and whether they can somehow fit into the Warhammer universe. Let's address the issue from both points of view.

Gnolls, yesterday and today

Gnolls are a race classically associated with Dungeons & Dragons, which comes in the form of anthropomorphic hyenas, with well-marked characteristics and society: for a classification, just refer to the relative page of Forgotten Realms. The fact that the gnolls have not always had this aspect, however, we will have the opportunity to talk about soon.

Both in the graphic renditions and in the sculpture of the miniatures of various manufacturers, the physical aspect of a hyena has been increasingly accentuated, with curved backs, protruding eyes, and digitigrade walking. At the same time, and in line with the habitat of this species, the gnoll culture has been turned more and more towards an exotic aspect, made up of stunted clothes, decorations of bones and feathers, both for warriors and for shamans. Here are two examples of images taken from the web:




And here are a couple of miniatures, respectively of Reaper and Legends of Signum:






This more recent trend differs from what gnolls looked like in the 1980s miniatures, made by Citadel and Ral Partha, where instead the gnolls were assigned an intermediate appearance between the dog and the hyena, and with a more European-style clothing and armament, not unlike that of other races, up to a Ral Partha gnoll with a sword, shield and plate armor that would have made a knight envious!



Compared to the historical ones by Ral Partha, the gnoll miniatures I most appreciate are those made by Citadel in the mid-1980s and sculpted by Jes Goodwin, equipped with three different types of weapons (bow, ax and pole weapon) in 14 variants, classified in detail on this page of Otherworld, from which the following image is also taken:



Care in sculpture, more canine features, plantigrade locomotion (and sometimes with the addition of boots), more appropriate clothing and armament distinguish them from the miniatures of other manufacturers, both still active and historical. All of this seems to me to fit well with the AA miniatures - and I would not surprised to learn that the latter were inspired by them. But finding miniatures that could be the older relatives of my four dogmen still leaves unsolved the question of how they fit into the Warhammer races.

Beastmen (and dogmen) in the Warhammer world

For years now the concept of beastman in the Warhammer lore, well before the Age of Sigmar, has become synonymous with mutant beings with features mainly borrowed from a goat (ungors, gors),a bull (minotaurs), or a horse (centigors), completely neglecting beings who could appear, due to the corruption of chaos, hybrids between human beings and other animal species.

However, this has not always been the case. I'll give some examples. In the first story written by  King of the Felix and Gotrek saga, "Geheimnisnacht", the two protagonists face beings of all shapes gathered for a sabbath, including a dogman: Felix "put his blade under the ribs and into the heart of a dog-faced man who leapt at him" (W. King," Trollslayer ", p. 13). Also from a miniature-making perspective, Citadel had made a variety of chaos beastmen, including at least one dog-headed being of Khorne with a tentacle for an arm. Just look at the 1990 catalog page (taken from Stuff of Legends):



or the photos of these miniatures (including the dogman) excellently painted by Nico and visible on his blog Realms of Chaos.

Even one of Marauder's mythical sculptors, Aly Morisson, in his sketchbook had thought of beastmen who were not reduced to goats or cattle, including "dog heads" that never became reality - reproductions of the pages of the notebook are now visible on this blog.

We can therefore conclude that, even if they are not popular, the Warhammer narrative does not exclude that beings contaminated by chaos can present themselves in very different bestial aspects. And this may also depend on the various latitudes at which different animal species can be encountered. Thus, while there is no specific race that can be labeled as gnolls, these latter beings can be made to fall within the multiple forms in which chaos-corrupted beastmen exist. At the limit even hyena men, although they should be located at more southern latitudes than the Old World, which is notoriously the heart of the Warhammer universe. The dogmen, on the other hand, who are those in my miniatures, can fit into a European-type habitat within or on the edge of the Empire itself, which interests me most. It seems to me so consistent that, compared to a society like that of goat-bovine beastmen, where horns determine status, dogmen have tended to form separate self-sufficient groups.

And here is finally found both miniatures that can be added to my small group of dog men, and a frame in which to plausibly place them all in the world of Warhammer. It's time to start thinking about setting up a band of dogmen to run around the Empire!

_____________________________________________________________________________

Eravamo rimasti agli uomini-cane di Alternative Armies e all'identità degli gnoll da cui sembrano derivati....e se questi possano essere inseriti in qualche modo nell'universo di Warhammer. Affrontiamo la questione da entrambi i punti di vista.

Gnoll di ieri e di oggi

Gli gnoll sono una razza classicamente associata con Dungeons&Dragons, che si presenta nella forma di iene antropomorfe, con caratteristiche e società ben marcate: per un quadro basterà rinviare alla pagina relativa di Forgotten Realms. Del fatto che gli gnoll non sempre abbiano avuto tuttavia questo aspetto avremo modo di riparlare prossimamente.

Sia nelle rese grafiche che nella scultura delle miniature di vari produttori  è stato sempre più accentuato l'aspetto fisico da iena, con schiene curve, occhi sporgenti e andamento digitigrado; contemporaneamente, e in linea con l'habitat di questa specie, la cultura gnoll è stata fatta virare sempre più verso un aspetto esotico, fatto di abiti succinti, decorazioni di ossa e piume, sia per i guerrieri che per gli sciamani. Ecco due esempi di immagini tratte dal web:



Ed ecco un paio di miniature, rispettivamente di Reaper e di Legends of Signum:





Questa tendenza più recente si discosta da come apparivano gli gnoll nelle miniature degli anni Ottanta, realizzate da Citadel e da Ral Partha, dove invece agli gnoll veniva assegnato un aspetto intermedio tra il cane e la iena, e con un abbigliamento e un armamento più di tipo europeo, non difforme da quello di altre razze, fino ad arrivare ad uno gnoll Ral Partha con spada, scudo e armatura a piastre che avrebbero fatto invidia a un cavaliere!


Rispetto a quelle storiche di Ral Partha, le miniature di gnoll che maggiormente apprezzo sono quelle realizzate da Citadel a metà degli anni Ottanta e scolpite da Jes Goodwin, munite di tre diversi tipi di armi (arco, ascia e arma in asta) in 14 varianti, censite dettagliatamente in questa pagina di Otherworld, da cui è tratta anche l'immagine seguente.


Cura nella scultura, fattezze più canine, locomozione plantigrada (e talvolta con l'aggiunta di stivali), abbigliamento ed armamento più consoni le contraddistinguono rispetto alle miniature di altri produttori, sia ancora attivi che storici. Tutto ciò mi sembra adattarsi bene alle miniature di AA, che non mi stupirebbe apprendere che siano state ispirate proprio da queste. L'aver trovato però miniature che potessero essere i parenti più vecchi dei miei quattro uomini-cane lascia ancora aperto il problema di come essi possano inserirsi tra le razze di Warhammer.

Uomini bestia (e uomini cane) nel mondo di Warhammer

Da anni ormai il concetto di uomo-bestia nella tradizione di Warhammer, ben prima dell'età di Sigmar, è diventato sinonimo di esseri mutanti con fattezze soprattutto caprine (ungors, gors), o bovine (minotauri), o equine (centigors), trascurando del tutto esseri che potevano apparire, per la corruzione del caos, ibridi tra esseri umani ed altre specie animali.

Così non è però sempre stato. Faccio qualche esempio. Nel primo racconto scritto da W. King della saga di Felix e Gotrek, "Geheimnisnacht", i due protagonisti fronteggiano esseri di ogni forma riuniti per un sabba, tra cui proprio un uomo-cane: Felix "conficcò la lama tra le costole di un uomo dal volto canino che si avventò contro di lui, trafiggendogli il cuore" (W. King, "Trollslayer", p. 33). Anche dal punto di vista della realizzazione di miniature, la Citadel aveva realizzato uomini bestia del caos molto variegati, tra cui almeno un essere dalla testa di cane di Khorne con un tentacolo al posto di un braccio. Basterà guardare la pagina del catalogo del 1990 (preso da Stuff of Legends):


 o le foto di queste miniature (uomo cane compreso) ottimamente dipinte da Nico  e visibili sul suo blog Realms of Chaos.

Anche uno dei mitici scultori della Marauder, Aly Morisson, nel suo taccuino di schizzi aveva pensato a uomini bestia che non si riducessero a caprini o bovini, tra cui "dog heads" mai divenuti realtà - riproduzione delle pagine del taccuino sono ora visibili su questo blog.

Possiamo concludere di conseguenza che, anche se non vanno per la maggiore, la narrazione di Warhammer non esclude che esseri contaminati dal caos possano presentarsi sotto aspetti bestiali molto vari. E questo può dipendere anche dalle varie latitudini a cui si possono incontrare diverse specie animali. Quindi, anche se non esiste una specifica razza etichettabile come gnoll, questi ultimi esseri possono venir fatti rientrare tra le molteplici forme in cui esistono uomini bestia corrotti dal caos. Al limite anche uomini iena, sebbene essi andrebbero collocati a latitudini più meridionali rispetto al Vecchio Mondo, che costituisce notoriamente il cuore dell'universo di Warhammer. Gli uomini cane, invece, che sono quelli delle mie miniature, possono inserirsi in un habitat di tipo europeo  all'interno o ai margini dell'Impero stesso, che mi interessa maggiormente. Mi sembra così coerente che, rispetto ad una società come quella degli uomini bestia caprini-bovini, dove le corna determinano lo status, gli uomini cane abbiano teso a costituire gruppi separati autosufficienti.

Ed ecco finalmente trovati sia miniature che possono aggiungersi al mio sparuto gruppetto di uomini cane, sia una cornice in cui plausibilmente collocarli tutti nel mondo di Warhammer. E' ora di cominciare a pensare a mettere in piedi una banda di uomini cane che scorrazzi per l'Impero!

R: A NEWCOMER GNOLL AND A BIG DUDE / UNO GNOLL APPENA ARRIVATO E UN GROSSO TIPO

     After a very long break, due to the long and hot summer and a lot of work, I come back to show up with a post about my gnolls/dogmen pr...